Rimini sottovoce, di Alberto Cristofano
  Per cambiare
 
Merito e democrazia per cambiare il Paese

Sottoscrivo la conclusione di Maria Patrizia Lanzetti, nell'editoriale del 12 scorso: "Merito e democrazia per cambiare davvero". Aggiungo: spero che si avveri quanto osserva Natalia Aspesi su "Repubblica" del 14: "Le donne promettono obiettivi ambiziosi".
Tra questi obiettivi, appunto mettiamoci "Merito e democrazia per cambiare davvero" il Paese. Ciò significa qualcosa che vale per tutti i cittadini, ma soprattutto per chi fa giornali che oggi possono trasmettere una visione alternativa rispetto a quella "di regime" fornita dalla tv. Ma non soltanto in ambito nazionale.


La vita di un Paese è infatti la somma della vita dei paesi, grandi e piccoli che siano. E nei nostri paesi, nelle nostre città non lasciamoci (e non lasciatevi voi, con l'importante compito-dovere di operatori dell'informazione), condizionare dai potentati economici che non rispettano merito e democrazia perché pagano talora non soltanto per pretese sessuali, ma pure per ambizioni e desideri di apparire gli arbitri, i direttori d'orchestra della vita di un luogo. Questo è successo, succede e speriamo non succeda troppo in avvenire anche nella cultura riminese. Buon lavoro ed in bocca ai tanti lupi in circolazione!

Alberto Cristofano


Lettera pubblicata oggi 17 febbraio sul Corriere Romagna





Inserire un commento su questa pagina:
Il Suo nome:
Il Suo indirizzo e-mail:
La Sua Homepage:
Il Suo messaggio:

 
  Aujourd'hui sont déjà 52807 visitatori (128114 hits) Ici!  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=