Rimini sottovoce, di Alberto Cristofano
  Il papa e i gay
 
Se l'omosessualità (che chiameremo, ma senza alcun disprezzo, innata o congenita) non è mai "moralmente giusta", secondo quanto sostiene il pontefice, viene da chiedersi: le azioni morali non sono tali perché c'è una libera scelta? E che cosa può scegliere chi nasce in un determinato modo, per usare un'espressione facile da esprimere e comprendere?

Lettera pubblicata il 6.12.2010 sul "Corriere di Romagna".





Inserire un commento su questa pagina:
Il Suo nome:
Il Suo indirizzo e-mail:
La Sua Homepage:
Il Suo messaggio:

 
  Aujourd'hui sont déjà 52527 visitatori (126572 hits) Ici!  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=